La Domenica delle Palme e della Passione del Signore - parrocchiaparona

Vai ai contenuti

Menu principale:

La Domenica delle Palme e della Passione del Signore

 

LITURGIA DELLA PAROLA

Prima Lettura  ( Is 50,4-7 )
Non ho sottratto la faccia agli insulti e agli sputi, sapendo di non restare confuso.


Dal libro del profeta Isaìa:
Il Signore Dio mi ha dato una lingua da discepolo,
perché io sappia indirizzare
una parola allo sfiduciato.

Ogni mattina fa attento il mio orecchio
perché io ascolti come i discepoli.
Il Signore Dio mi ha aperto l’orecchio
e io non ho opposto resistenza,
non mi sono tirato indietro.

Ho presentato il mio dorso ai flagellatori,
le mie guance a coloro che mi strappavano la barba;
non ho sottratto la faccia
agli insulti e agli sputi.

Il Signore Dio mi assiste,
per questo non resto svergognato,
per questo rendo la mia faccia dura come pietra,
sapendo di non restare confuso.          


Parola di Dio                                 Rendiamo grazie a Dio



Salmo Responsoriale  ( Dal Salmo 21 )
Mio Dio, mio Dio, perché mi hai abbandonato?

Si fanno beffe di me quelli che mi vedono,
storcono le labbra, scuotono il capo:
«Si rivolga al Signore; lui lo liberi,
lo porti in salvo, se davvero lo ama!».

Mio Dio, mio Dio, perché mi hai abbandonato?


Un branco di cani mi circonda,
mi accerchia una banda di malfattori;
hanno scavato le mie mani e i miei piedi.
Posso contare tutte le mie ossa.

Mio Dio, mio Dio, perché mi hai abbandonato?


Si dividono le mie vesti,
sulla mia tunica gettano la sorte.
Ma tu, Signore, non stare lontano,
mia forza, vieni presto in mio aiuto.  

Mio Dio, mio Dio, perché mi hai abbandonato?

Annuncerò il tuo nome ai miei fratelli,
ti loderò in mezzo all’assemblea.
Lodate il Signore, voi suoi fedeli,
gli dia gloria tutta la discendenza di Giacobbe,
lo tema tutta la discendenza d’Israele.

Mio Dio, mio Dio, perché mi hai abbandonato?



Seconda Lettura   ( Fil 2,6-11 )

Cristo umiliò se stesso, per questo Dio lo esaltò.     

Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Filippèsi:
Cristo Gesù,
pur essendo nella condizione di Dio,
non ritenne un privilegio
l’essere come Dio,
ma svuotò se stesso
assumendo una condizione di servo,
diventando simile agli uomini.
Dall’aspetto riconosciuto come uomo,
umiliò se stesso
facendosi obbediente fino alla morte
e a una morte di croce.

Per questo Dio lo esaltò
e gli donò il nome
che è al di sopra di ogni nome,
perché nel nome di Gesù
ogni ginocchio si pieghi
nei cieli, sulla terra e sotto terra,
e ogni lingua proclami:
«Gesù Cristo è Signore!»,
a gloria di Dio Padre.    


Parola di Dio                                 Rendiamo grazie a Dio



Canto al Vangelo   ( Fil 2,8-9 )

Lode e onore a te, Signore Gesù!


Per noi Cristo si è fatto obbediente fino alla morte
e a una morte di croce.
Per questo Dio lo esaltò
e gli donò il nome che è al di sopra di ogni nome.

Lode e onore a te, Signore Gesù!



Secondo il ciclico del calendario liturgico la lettura della Passione di Gesù è tratta dai Vangeli
di Matteo
nell'Anno A,
di Marco
nell'Anno B,
di Luca
nell'Anno C .
Il testo della Passione non è lo stesso che si legge nella celebrazione del Venerdì Santo
, che è il testo del Vangelo di San Giovanni.




Anno  A
Passione secondo Matteo

Mt 26,14-27,66    

leggi   

ascolta


Anno  B
Passione secondo Marco

Mc 14,1-15,47    

leggi    

ascolta


Anno   C
Passione secondo Luca

Lc 22,14-23,56    

leggi   

ascolta


 
 
 
 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu