Il Presepe Pasquale - parrocchiaparona

Vai ai contenuti

Menu principale:

Il Presepe Pasquale

Nella nostra parrocchia non si ricordano particolari espressioni figurative in occasione del Triduo Pasquale e della Santa Pasqua.
Il suono a distesa delle campane era sicuramente il segno più significativo assieme ai tanti fiori che per l’occasione adornavano a festa l’altare maggiore, mentre sulla sommità del ciborio veniva eretta la figura del Cristo Risorto.

Da qualche anno a questa parte è sorta l’esigenza di rappresentare, dopo il cammino di catechesi quaresimale, i momenti e i segni che identificano questa solennità.
Uno dei primi (collocato all’altare di San Giuseppe) è stato un sepolcro vuoto
esposto come segno inequivocabile della risurrezione di Gesù. “Se Cristo non fosse risorto vana sarebbe la nostra fede” (1 Cor 15) .
Successivamente, sono stati i ragazzi\e del catechismo che hanno tracciato la via del presepe pasquale dando lo spunto al Gruppo Amici del Presepe per raffigurare la sequenza degli avvenimenti che si vivono durante la settimana Santa mettendo in risalto le varie fasi che dall’ingresso trionfale di Gesù in Gerusalemme portano attraverso l’ultima cena, all’orazione nell’orto degli ulivi, alla passione e morte di Gesù per arrivare poi alla risurrezione il giorno di Pasqua.


Il presepe pasquale: i commenti che accompagnano i cinque momenti rappresentati, ci aiutano a riflettere sul mistero della Morte e Resurrezione di nostro Signore Gesù Cristo.

Ingresso trionfale di Gesù in Gerusalemme

Il giorno seguente, una grande folla che era venuta alla festa, udito che Gesù veniva a Gerusalemme, prese dei rami di palme e uscì incontro a lui, gridando: «Osanna! Benedetto colui che viene nel nome del Signore, il re d'Israele!». E Gesù, trovato un asinello, vi montò sopra come sta scritto: «Non temere, o figlia di Sion; ecco, il tuo re viene, cavalcando un puledro d'asina».
La Palma
Richiama la vita e il trionfo sulla morte, perché sopravvive nel deserto.
"Osanna"
significa "Salute e salvezza dell'anima e del corpo".

 

Lavada dei piedi

Gesù si alzò da tavola, depose le vesti e, preso un asciugatoio, se lo cinse attorno alla vita.
Venne dunque da Simon Pietro e questi gli disse:
«Signore, tu lavi i piedi a me?».
Rispose Gesù:
«Quello che io faccio, tu ora non lo capisci, ma lo capirai dopo».

Poi versò dell'acqua nel catino e cominciò a lavare i piedi discepoli.

 

L'ultima   Cena


Cristo celebra l'Eucarestia nell'ultima cena. Il pane e il vino sono frutti della terra e del lavoro dell'uomo, che lo Spirito Santo trasforma sacramentalmente nel Corpo e nel Sangue di Gesù.

“FATE QUESTO IN MEMORIA DI ME”
Anche oggi. l’azione dello Spirito Santo e l’efficacia delle stesse parole di Cristo proferite dal sacerdote, rendono realmente presente sotto le specie del pane e del vino, il suo Corpo e il suo Sangue, il suo sacrificio offerto sulla croce una volta per tutte. Gesù in questo è stato chiarissimo.


 

Preghiera nell'orto degli ulivi


Gesù cadde in ginocchio e pregava dicendo
"Padre, se vuoi allontana da me questo calice! Tuttavia non sia fatta la mia, ma la tua volontà".
Pregava più intensamente, e il suo sudore diventò come gocce di sangue che cadevano a terra.

 

Impiccagione di Giuda


“Allora Giuda, il traditore, vedendo che Gesù era stato condannato, si pentì e riportò le trenta monete d’argento ai sommi sacerdoti e agli anziani dicendo:
“Ho peccato, perché ho tradito sangue innocente”.

Ma quelli dissero:
“Che ci riguarda? Veditela tu!”.
Ed egli, gettate le monete d’argento nel tempio, si allontanò e andò ad impiccarsi.

 

Gesù deriso dai soldati


Allora Pilato
fece prendere Gesù e lo fece flagellare.
E i soldati, intrecciata una corona di spine,
gliela posero sul capo e gli misero addosso un mantello di porpora.
Poi gli si avvicinavano e dicevano:
«Salve, re dei Giudei!».
E gli davano schiaffi.  

 

La Morte di Gesù


Era già verso mezzogiorno e si fece buio su tutta la terra fino alle tre del pomeriggio.
Gesù, gridando a gran voce disse:
"Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito".
Detto questo, spirò.

 

La Pietà


Gesù è deposto dalla Croce
e consegnato alla Madre

Il corpo di Gesù è accolto nell’abbraccio della Madre.

 

Le tre Marie


Passato il sabato, Maria di Magdala, Maria madre di Giacomo e Salome comprarono oli aromatici per andare a ungerlo.

Ma un angelo disse loro
"Non è qui, è Risorto".

 

La Risurrezione


Uscì allora Simon Pietro
insieme all'altro discepolo, e si recarono al sepolcro. Correvano insieme tutti e due. Trovarono la pietra rotolata via dal sepolcro, ma non trovarono il corpo del Signore  Gesù.

Chinandosi, guardarono dentro ….

Videro e credettero.

 
 
 
 

  torna ai nostri presepei             home page

 
Torna ai contenuti | Torna al menu